Film: La Classe (Entre les murs)

La Classe (Entre les murs) è  l’ultima opera del regista Laurent Cantent, autore di Verso sud, film sul turismo sessuale al femminile.

Stavolta l’argomento scelto ci riguarda da vicino: il film, tratto dall’omonimo libro di Françoise Begaudeau, racconta quanto accade fra le mura di una classe delle medie superiori e del rapporto tra gli alunni e il loro insegnante di lettere, impersonato dallo stesso Begaudeau, calatosi nelle vesti di attore. Vinta la palma d’oro a Cannes, La Classe rappresenterà la Francia nella corsa agli oscar.

All’inizio del film, facciamo la conoscenza di Begaudeau mentre incontra i colleghi all’apertura dell’anno scolastico. La sua classe è composta da un gruppo eterogeneo di ragazzi e ragazze, immigrati di seconda generazione, dalle origini più diverse. Gli “alunni” in questione, 25, sono stati scelti dal regista dopo mesi di laboratorio, assieme alla collaborazione di Begaudeau.  Ognuno ha messo qualcosa di se nei personaggi già definiti, umanizzandoli ed evitando di cadere così in facili stereotipi (il bullo, il secchione etc). Sacrificata alle riprese gran parte delle loro vacanze estive.

Tra ironia e drammi, tra risate e momenti di crisi, il professor Begaudeau  tenterà, spesso inutilmente, di appassionare i ragazzi allo studio, di abituarli al confronto e al rispetto delle regole.
Senza sceneggiatura e attori professionisti, con sole tre telecamere mobili,l’impressione è di trovarsi piuttosto di fronte a un reality. Un film capace quindi di rispecchiare la pluralità del mondo odierno, tremendamente complesso ma proprio per questo affascinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *