Saldo e Stralcio: una delle soluzioni al debito

Di questi tempi, in cui ci viene data la possibilità di pagare tutto a rate, accade fin troppo spesso di sentire persone che si lamentano di non arrivare alla fine del mese e che fanno fatica a pagare i loro debiti. Così aumentano anche i casi in cui il privato cittadino, impossibilitato nel pagare, si ritrovi a negoziare con l’istituto bancario o la finanziaria che ha erogato il prestito, per chiudere il contenzioso con un saldo e stralcio. Di cosa si tratta esattamente? Ne avrete certamente sentito parlare, perché è il cavallo di battaglia delle agenzie di consulenza del debito.

Saldo e Stralcio: cos’è e come funziona?

Come chiudere un debito a saldo e stralcio
I soldi non si scavano: guida alla chiusura del debito con accordo saldo e stralcio

Facciamo un esempio pratico: il Sig. Mario Rossi ha un debito residuo con la sua banca di 40.000 euro. La banca, prima di intentare una causa giudiziaria e procedere al pignoramento dei beni, potrebbe accettare una proposta di pagamento immediato di una somma minore, per esempio 20.000 euro. Ecco cos’è in parole povere la transazione a saldo e stralcio. In genere, a occuparsi della mediazione è un’agenzia, perché la trafila burocratica è molto complessa per un cittadino qualunque, quindi è consigliabile rivolgersi a dei professionisti. Basta fare una rapida ricerca per trovare decine di siti che si occupano di queste cose, ma la più accreditata in Italia per il saldo e stralcio sembra essere Rexpira.

Transizione a saldo e stralcio: i vantaggi.

Quando una banca o una finanziaria (ma anche una società privata) capiscono che il debitore non ha molte possibilità di estinguere totalmente il debito, la proposta di saldo e stralcio per la società creditizia può risultare vantaggiosa. Si tratta di un contratto vero e proprio tra le parti, dove la società creditizia riceve la nuova cifra pattuita e rinuncia a qualsiasi altro diritto sul debito, liberando così il debitore che potrà ritrovare la sua serenità. Pensate a quanto può essere utile per una persona che rischia di perdere il lavoro o qualcosa di simile: una bella arma, che bisogna però saper usare!


Stralcio del debito: ci sono effetti negativi?

L’unica cosa negativa è che il debitore potrebbe incontrare difficoltà nell’effettuare un pagamento in un’unica soluzione, soprattutto per persone che hanno problemi economici. Ci sono però dei casi in cui è possibile attuare il saldo e stralcio a rate. Una volta che l’accordo per la chiusura del debito viene raggiunto, c’è da verificare un’ultima cosa, alquanto importante: bisogna verificare che il nominativo del debito non resti iscritto nei sistemi di informazioni creditizie (SIC), ossia che non risulti come cattivo pagatore. Con la transazione a saldo e stralcio, infatti, la reputazione creditizia viene ripristinata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *